Non hai un sito web?

PREVENTIVO GRATIS

Colloquio analitico iniziale
Analisi concorrenza web
Strategie mirate di posizionamento
Preventivo dettagliato - Prezzi competitivi

Creazione siti web


Contenuti per siti web

I contenuti per siti web sono assai diversi tra loro e richiedono strumenti e metodologie che possano permettere la gestione, la trasferibilità e la fruibilità efficace.
Le tipologie dei contenuti sono svariate: informativi, interattivi, rappresentativi, educativi, istituzionali, d'intrattenimento, promozionali... Scelti in maniera coerente con l'obiettivo del sito, possono avere diversi formati:

  • testi (per cui si dovranno gestire lunghezze, suddivisioni, ipertesti, archivi);
  • immagini (l'attenzione qui sarà posta su dimensioni, taglio, figure, sfondo, peso, sequenze, didascalie, copyright);
  • elementi di interazione (email, forum, chat, sondaggi, questionari, newsletter);
  • audio, video e altri file (la presenza di file da copiare, visualizzare, ascoltare e scaricare crea problemi legati ai limiti di peso).

Infine i microcontenuti, garantiscono una migliore navigazione del sito ed una più rapida acquisizione dei contenuti; tra gli altri menù e indici, titoli e sottotitoli, didascalie, parole in grassetto, link, URL, bottoni, nomi dei file, nomi delle cartelle, didascalie, titoli delle pagine, meta title, meta description.
L'attenzione a questi elementi facilita la navigazione interna ed esterna, fornisce informazioni rapide, favorisce l'attività dei motori di ricerca e facilita l'organizzazione di archivi, ed è nell'attenzione alla SEO (Search Engine Optimization) che elaborando questi elementi si fa l' ottimizzazione SEO delle pagine web per il posizionamento sui motori di ricerca

Torna su torna al menu

Il linguaggio HTML / XHTML

L'HTML non è un vero e proprio linguaggio di programmazione ma bensì un codice di markup, da qui la sua definizione: HyperText Mark-up Language.

La differenza principale tra le versioni correnti di HTML e XHTML risiede nella sintassi. Il linguaggio di markup creato da Tim Berners-Lee, e che ancora oggi popola i nostri browser, è stato studiato come applicazione del più generico SGML, Standard Generalized Markup Language.

In realtà la quasi totalità dei browser ignora la definizione e interpreta il documento secondo logiche più permissive, frutto di anni di eccezioni e di esperienza accumulata su pagine malformate.
L’XHTML, invece, è una versione della sintassi HTML costretta all’interno delle regole XML, a sua volta grammatica SGML: questo approccio dovrebbe implicare un maggior rigore nella pagina e l’aderenza a regole quali l’obbligo di chiusura di tutti i tag. Il parser XML inoltre dovrebbe sospendere l’interpretazione della pagina al primo errore rilevato.

HTML5

L’arrivo dell’HTML5 introduce una importante novità in questo scenario, per la prima volta l’obiettivo delle specifiche è quello di definire un linguaggio ubiquo, che possa poi essere implementato su entrambe le sintassi, è stato così possibile rompere il legame tra HTML e SGML traducendo in standard le regole adottate già da tempo nei vari browser. Per indicare un documento HTML5 è nata quindi la seguente semplice istruzione:

<!DOCTYPE html>
Che si affianca a quella da utilizzare in caso si intenda scrivere una pagina XHTML5:

<html xmlns="https://www.w3.org/1999/xhtml" xml:lang="en">

Le specifiche del codice HTML5 nascono per aggiungere valore semantico alla pagina, sia alla struttura che al contenuto della pagina web, è inoltre strutturato per aggiungere microformats. L'obiettivo pratico è di sviluppare una pagina web semanticamente ottima per struttura, contenuto, microformati e data entry.
Inoltre attraverso il codice HTML5 è possibile abilitare la creazione di applicazioni web: nuove API Javascript, multimedia e grafica per sviluppare applicazioni che si servono di questi elementi. L'HTML5 nasce dal gruppo di ricerca WHAT che è nato con l'intento di sviluppare un web più orientato alle applicazioni che ai documenti. Infatti non solo il nuovo markup modifica le basi della propria sintassi e le regole per la disposizione dei contenuti sulla pagina, ma vengono estese le API JavaScript per supportare tutte le funzionalità di cui una applicazione moderna potrebbe aver bisogno:

  • salvare informazioni sul device dell’utente;
  • accedere all’applicazione anche in assenza di una connessione Web;
  • comunicare in modo bidirezionale sia con il server sia con altre applicazioni;
  • eseguire operazioni in background;
  • pilotare flussi multimediali (video, audio);
  • editare contenuti anche complessi, come documenti di testo;
  • pilotare lo storico della navigazione;
  • generare grafica 2D o 3D in tempo reale;
  • accedere e manipolare informazioni generate in tempo reale dall’utente attraverso sensori multimediali quali microfono e webcam.

è possibile anche accedere alle informazioni geografiche del device dell’utente e mantenere un database sul device dell’utente.

Torna su torna al menu

Il linguaggio PHP

Nel 1994 un giovane programmatore groenlandese, Rasmus Lerdorf, ipotizzò un nuovo linguaggio di programmazione per rendere le pagine web più dinamiche: l’8 giugno 1995 presentò la prima versione di PHP.

PHP è un acronimo che sta per “Hypertext Pre-processor”. Si tratta di un linguaggio che risiede in un server in remoto e che interpreta le istruzioni del client, le elabora e le restituisce al client che ha formulato la richiesta.
PHP è infatti un linguaggio interpretato, ovvero esiste un programma, chiamato appunto “interprete”, che si occupa di tradurre il codice PHP in un linguaggio comprensibile al computer.

Il PHP è un linguaggio di programmazione che, a distanza di 25 anni dalla sua nascita, continua a godere di grande popolarità, è infatti usato da circa l'80% dei siti internet, per questi ed altri validi motivi:

  1. Ha una licenza open source che permette di modificare liberamente il codice sorgente.
  2. Si integra facilmente con l’HTML, cioè è possibile inserire il codice PHP all’interno di una pagina contenente codice HTML.
  3. Ha il supporto di una community numerosa ed attiva (gruppo di sviluppatori che si confrontano spesso e migliorano il codice).

Altri elementi per i quali il linguaggio PHP si distingue da altri linguaggi di programmazione:

  • supporta la maggior parte dei server web esistenti: tra cui Apache, Ngnix, Microsoft Internet Information Server, Personal Web Server, Caudium e molti altri.
  • si adatta anche alle librerie quali: penSSl, GD, Gettext, Curl, Ming e altro.
  • interagisce con un’ampia gamma di database: supporto integrato con i database più diffusi, tra cui MySQL, MSSQL, PostgreSQL, dBase e Hyperwave;
  • è multipiattaforma: può essere utilizzato sui principali sistemi operativi, inclusi Linux, Microsoft Windows, MacOS X;

Con PHP si ha quindi la libertà di decidere di lavorare su qualsiasi sistema operativo e qualsiasi server web.

A cosa serve e cosa può fare il linguaggio PHP

PHP è perfetto tanto per lo sviluppo di un semplice blog quanto per quello di applicazioni web più complesse, come siti web, forum, social network e software per il calcolo.

Google premia con un migliore posizionamento i siti web che rispettano una serie di parametri, tra cui velocità di navigazione e tempi rapidi di caricamento delle pagine.
Un elemento che concorre a rendere più veloce un sito web, è l’ottimizzazione del linguaggio di scripting in uso: PHP è in continua evoluzione e, dalla versione 7.1 in avanti, consente agli sviluppatori di usufruire di performance migliori, con siti web dinamici che caricano più del 100% velocemente utilizzando meno memoria. La tecnologia PHP permette quindi di creare pagine dinamiche ed offrire molte funzionalità:

  • raccogliere dati da un modulo di contatto
  • creare registrazione e login di aree riservate
  • creare mailing list
  • gestire e uploadare files
  • effettuare la cifratura / decifratura di dati
  • generare pagine dai contenuti dinamici
  • mandare / ricevere cookies

Torna su torna al menu

Chi siamo

Rinaldi Annamaria Web designer a Modena: Creazione siti web visibili in internet nel linguaggio HTML e HTML5 Ottimizzazione SEO delle pagine web Manutenzione del sito. Lavoriamo a Modena, Sassuolo, Carpi, Vignola, Castelfranco, Maranello, Bologna, Reggio Emilia, Milano, Roma.

Privacy Policy
Cookie Policy

Contatti